fbpx

 049 614286

 info@naturalens.it

Approfondimenti

| Tags: lenti, miopia

Informazioni preziose per te ed i tuoi occhi: vuoi Una visita? Un controllo? Clicca qui


La miopia è un difetto visivo per cui si vedono bene gli oggetti vicini, ma allo stesso tempo si ha un'enorme difficoltà nel mettere a fuoco gli oggetti lontani. La visione sfuocata da lontano è data dal fatto che i raggi luminosi non si concentrano sul piano retinico, ma avanti ad esso (a causa di un'eccessiva lunghezza del bulbo oculare). Il difetto si corregge con lenti negative, del grado opportuno. Il grado della miopia lo può stabilire uno specialista in un'apposita sede attrezzata con strumenti tecnologici adatti per tali misurazioni.

CON L'OCCHIALE CI VEDO, MA SO CHE SI PUO' FARE DI MEGLIO!

Spesso la persona con una medio/alta miopia si trova in una strana situazione in cui non può fare a meno di utilizzare l'occhiale per vederci bene, ma allo stesso tempo ciò NON le permette di ottenere una visione migliore possibile. Di conseguenza viene a mancare quell'elevato grado di benessere visivo che tutti dovremmo avere per evitare peggioramenti e vivere serenamente.

Con un medio/alto grado di miopia l'occhio è costretto a guardare attraverso il centro ottico della lente per vederci bene. Ciò accade perché guardando in punti diversi da tale centro entrano in gioco le cosiddette aberrazioni che, creando aloni e distorsioni, non permettono di avere una visone nitida, e senza sforzi. Così facendo i movimenti oculari si riducono sempre di più, i muscoli oculari tendono ad irrigidirsi e la visione nitida si riduce ad un piccolo campo limitato. Infatti, guardando lateralmente mentre si usa l'occhiale si può notare che la visione è molto sfuocata. Questo fenomeno ci indica che la visione periferica non viene utilizzata come si dovrebbe.

Oltre a quanto detto, l'occhiale crea un altro spiacevole inconveniente, cioè il fatto di creare un effetto di rimpicciolimento delle immagini. Tale effetto aumenta all'aumentare del grado della miopia.

LA SOLUZIONE E'.......LA LENTE A CONTATTO!...ma personalizzata,cioè “SU MISURA!”

Molte persone miopi scelgono di correggere il loro difetto visivo con le lenti a contatto poiché tutti gli inconvenienti di cui abbiamo appena parlato vengono annullati dall'uso delle stesse.
Le lenti a contatto concedono alla persona la libertà di muovere gli occhi naturalmente e una visione nitida a 360°. Grazie alla visone attraverso le lenti a contatto verrà sfruttata anche la visione periferica e verranno annullate le cosiddette aberrazioni di ordine superiore che l'occhiale non è (quasi mai) in grado di correggere. Oltre a ciò non è da sottovalutare il fatto che con le lenti a contatto la persona non subirà più il peso a carico delle orecchie e del naso, che invece deve sopportare utilizzando l'occhiale.
Le lenti a contatto devono essere scelte in base alla caratteristiche della persona (forma dell'occhio, lacrima, stile di vita), perciò dovranno essere fatte su misura. Per utilizzare le lenti a contatto occorre affidarsi ad un applicatore professionista esperto e competente, dotato di strumentazioni specifiche che gli permettono di scegliere la tipologia di lente più appropriata, il materiale più idoneo ed i prodotti di manutenzione più adatti.
Con le tecniche di analisi adatte, la strumentazione specializzata e l’esperienza viene progettata la lente “su misura” per la persona, nei parametri e nel grado 1più adatto al comfort visivo, perché ogni miopia è speciale e unica.


Informazioni preziose per te ed i tuoi occhi: vuoi Una visita? Un controllo? Clicca qui

Comments 0

Informazioni preziose per te ed i tuoi occhi: vuoi Una visita? Un controllo? Clicca qui


I difetti visivi spiegati nella loro semplicità...

In termine tecnico l’occhio con visione normale si dice Emmetrope, mentre i principali difetti visivi sono:

 

 

La Miopia: "Non ci vedo da lontano"

Comments 0 keep reading

 

Iniziamo questo articolo facendovi fare un esperimento, che vi sarà utile: prendete un qualsiasi foglio che abbia delle scritte e leggete cosa c'è scritto sopra.
Scommettiamo che, istintivamente , non vi verrà di appoggiare il vostro foglio sopra ad un tavolo piatto e leggerlo così, ma vi verrà molto più spontaneo afferrare il foglio e leggerlo tenendolo inclinato di fronte al vostro viso (FOTO1)

Perchè?
Leggere/Studiare per molto tempo su un piano piatto, come può essere un tavoloo una scrivania, può creare veri e propri problemi alla vostrea schiena e ai vostri occhi.
Infatti, lavorare in questa posizione ha 2 enormi risvolti negativi: 

Comments 0 keep reading

Informazioni preziose per te ed i tuoi occhi: vuoi Una visita? Un controllo? Clicca qui

 

Le nuove possibilità di misurare le problematiche e le prestazioni visive, specialmente per i casi complicati, hanno portato alla luce che i problemi visivi sono molto più complessi di quanto si possa pensare dalle normali ricette che si danno da parte degli specialisti: riassumendo un argomento molto complesso in una sola frase: “Ogni occhio ha bisogno della sua correzione visiva personalizzata”.

Le scoperte scientifiche moderne con i nuovi strumenti, che hanno i centri più attrezzati tecnologicamente, dimostrano che ogni occhio ha la sua “impronta visiva”, come le impronte digitali sono uniche, quindi, per vedere il meglio possibile, deve avere la sua correzione “su misura”.

Questo è molto chiaro nei casi complicati, dove la forma della cornea è irregolare o complessa, ma si è scoperto che è molto frequente che anche occhi apparentemente “normali” abbiano delle anomalie visive per cui le correzioni tradizionali mostrano dei limiti.

Comments 0 keep reading

Informazioni preziose per te ed i tuoi occhi: vuoi Una visita? Un controllo? Clicca qui

 


Microscopio Confocale: 

  • È un microscopio sofisticato ad alto ingrandimento, dedicato all’osservazione della cornea, ha la caratteristica unica di permettere l’osservazione strato per strato del tessuto “in vivo”.
    Strumento importante per seguire accuratamente la situazione e l’evoluzione di questo essenziale componente dell’occhio, nella sua completezza, per esempio:

a.    Situazione dei vari strati corneali:

                                          i.    Analisi dell’Endotelio, lo strato più interno, che regola lo stato di tutta la cornea;

                                         ii.    Osservazione dello stroma, lo strato intermedio, con le sue terminazioni nervose ed i nuclei di attività; si osserva lo stato di attività del tessuto biologico: nuove possibilità di controllare la risposta a stimoli e trattamenti e e prevedere le probabili evoluzioni;

                                        iii.    Epitelio , lo strato più esterno, esposto perciò alle influenze e stimoli esterni.

 

b.    Programma avanzato per il futuro: Associare l’esame corneale con la situazione della persona, l’evoluzione della patologia, con l’obbiettivo di vedere se esiste un legame che permetta di affrontare la patologia in modo più completo ; 

Comments 0 keep reading